italiano  |  inglese  |  spagnolo

XXIII edizione

14 > 16 Settembre 2018

 

Il Rivo

La scelta di questo simbolo è dovuta al fatto che questa contrada, è bagnata dalle acque del rivo San Marino, affluente del fiume Sarno. Anticamente, per gli abitanti di questa zona le acque del rivo sono state una risorsa preziosa.






Il Gelso

Il nome è nato scrutando la nostra storia locale. All’inizio del secolo scorso, in via Provinciale si sviluppò la coltivazione del baco da seta, successivamente, sostituita con le piantagioni di tabacco e, in tempi più recenti, con la coltivazione del pomodoro San Marzano. Oggi, lungo questa strada, quasi completamente edificata, restano, a testimonianza dei tempi che furono, alcuni alberi di gelso che nel silenzio e nella fragranza della loro fioritura, tramandano a noi i tempi passati.



La Spiga

Questo stemma è legato all’esistenza di un Antico Mulino, dove i nostri antenati erano soliti recarsi per macinare il grano. Ed è proprio grazie a questo luogo storico che inizia la devozione alla Vergine Addolorata.





Il Giglio

In via San Giuseppe si trova una antica cappella dedicata al Santo Patrono dei lavoratori. Originariamente appartenuta alla Famiglia Capece Minutolo, questo luogo di culto è di proprietà della Parrocchia Santa Maria delle Grazie. Essendo la comunità e l’intero Centro Storico di Casatori legato a San Giuseppe abbiamo voluto racchiudere in questo simbolo tale appartenenza, che è anche segno di venerazione e di intercessione.



La Torre

Il simbolo nasce dalla lettura della nostra storia locale, infatti, in Largo Tringiale, ancora oggi, possiamo mirare la parte restante dell’antica torre, unica realtà certa, dopo la cappella di San Giuseppe, che tramanda a noi i resti dell’antico palazzo appartenente alla famiglia dei Capece Minutolo. Essa, ancora oggi, è testimonianza di una epoca che narra gli eventi di un periodo florido e gaudente.




La Leonessa

Questo è il simbolo dell’antico stemma nobiliare della famiglia Capace Minutolo, signori feudatari di queste terre nel XIV secolo. L’effige é immagine di rinascita e presenza trasformante sul nostro territorio; infatti, come questa illustre e nobile famiglia napoletana ricca di fede, nella comunione al papato, è stata mezzo di crescita, così gli abitanti di questa contrada, possano essere segno di vita e fonte di novità.

webmaster info@pasqualelodato.it

Parrocchia S. Maria delle Grazie - Tel. +39 081 939120 - tutti i diritti riservati © 2011